close

gennaio 2018

STORIESUGGESTIONI

CANNIBALI E RE: STORIA, MEMORIA E IDENTITÀ NELL’EPOCA DEI SOCIAL

Nella “piazza” dei social network è oggi possibile rilevare mercanzia di ogni tipo. Gruppi a tema, pagine di scambio e compravendita, profili di organizzazioni sociali e politiche, canali di comunicazione più o meno caserecci. È alle platee virtuali che spesso rivolgono appelli e dichiarazioni tanto istituzioni quanto personaggi di spicco. In sostanza il social network non è più quel potente e ambiguo conntettore di individui come fino a pochi anni fa; ma si rapidamente evoluto, strutturato in modo complesso e variegato coinvolgento sempre più ambiti. Senza addentrarci a sviscerare in modo approfondito questi sviluppi ci limiteremo a notare come a quest’evoluzione del canale non è corrisposta un evoluzione uguale del contenuto, anzi, il livello medio è assai basso ed i risultati spesso grotteschi (esempio perfetto è il tweet del presidente USA sul suo grosso e funzionante pulsante nucleare). Eppure la malleabilità dei social sembra lasciare tuttora (o comunque apre) spazi d’azione per quei volenterosi che abbiano intenzione di fare un uso “alternativo” o per lo meno costruttivo di tale mezzo. È il caso di Cannibali e Re, una pagina facebook a tema storico di grande successo negli ultimi tempi. Quella che segue è quindi un’intervista a quest’ottimo esperimento divulgativo ed ai suoi risvolti anche politici.
Partendo dalle vostre parole – Cannibali e Re è un progetto narrativo di rinnovamento della narrazione storica. Raccontiamo la storia degli ultimi. – vorremmo chiedervi un pò com’è nato questo progetto e quali obbiettivi si era prefisso in origine. Attualmente la vostra pagina ha poco più di un anno di vita ed ha guadagnato un seguito impressionante nella comunità virtuale; come vi spiegate quest’impatto?
CR: Cannibali e Re è nato nella primavera del 2016 a Perugia, città di nascita o di adozione di praticamente tutti i partecipanti al progetto. Ci accomuna ovviamente l’interesse per la storia, una formazione di tipo storico o storico-politico e, allo stesso tempo, un fattore fondamentale per quello che è l’approccio di Cannibali a Re alla storia stessa: la consapevolezza dell’esigenza di fare storia in maniera diversa da quelli che sono i principali contesti nei quali opera la conoscenza storica, oggi, ovvero l’ambito accademico ed editoriale. Tali contesti, spesso autoreferenziali fino all’estremo, hanno reso molti indifferenti o addirittura refrattari allo studio della storia, giudicata – appunto – come una materia fine a se stessa. Proporre una narrazione della storia differente è stato il nostro obiettivo principale sin dal primo istante. Abbiamo mosso così i primi passi su Facebook nel giugno 2016, pur mirando sempre ad una crescita del progetto anche al di fuori dei confini ‘social’. La pagina ha avuto poi una crescita importante nel dicembre dello stesso anno, con l’inizio di una crescita esponenziale che continua ancora oggi e per la quale – ci teniamo a dirlo – non abbiamo speso un solo euro in sponsorizzazioni. Come ce lo spieghiamo? Probabilmente la risposta si può trovare nei tempi incerti che stiamo vivendo. In un mondo dove il nichilismo e l’individualismo rappresentano la risposta di molti alle sfide di oggi, noi rispondiamo con l’idealismo, il coraggio e l’altruismo di chi ci ha preceduto. Ed è ovvio che la scelta di quali storie affrontare faccia la differenza: per quanto si tratti di personaggi sicuramente fondamentali dal punto di vista storico, è difficile che la maggior parte delle persone possano essere ispirate da Napoleone, dal Kaiser Guglielmo o da Winston Churchill. Il motivo è chiaro: nell’epoca in cui vissero questi personaggi, noi, probabilmente, non saremmo stati al loro posto. Ed è quindi una narrazione basata sulle persone comuni che – nonostante tutto – sono riuscite a lasciare un segno indelebile della storia, a fare la differenza. Le storie degli ultimi dimostrano che ognuno di noi può giocare un ruolo importante oggi, ognuno di noi può essere decisivo, e la resa alle difficoltà che viviamo ogni giorno non è più l’unica opzione rimasta.
Alla base del vostro lavoro ci sembra di scorgere una concezione della storia molto politica, vicina a quella di Brecht in domande di un lettore operaio; una Storia fatta quindi non del percorso rigido, insindacabile e aristocratico della storiografia ufficiale ma una Storia fatta tanto da gesti individuali quanto di processi collettivi messi in moto dagli ultimi e quasi sempre oscurati dalla grande narrazione. Qual’è quindi il ruolo per voi della storia? Quali terreni di scontro si vanno a toccare in una narrazione storica di questo tipo?
CR: è esattamente la concezione che abbiamo della storia e che abbiamo iniziato a spiegare rispondendo alla domanda precedente. La Storia, per noi, non può limitarsi al nozionismo o alla storiografia arida e fine a sé stessa. La Storia ha, per noi, un ruolo fondamentale: quello di guidare il mondo intero verso un futuro migliore. Nella storia di chi lotta per i propri diritti e per quelli degli altri, ad esempio si possono trovare, come detto in precedenza, le risposte per affrontare le sfide imposte dai tempi moderni. Guardiamo ad esempio ad argomenti quali la guerra ed il nazionalismo. Ad una narrazione dei conflitti che pone sempre l’accento sullo scontro tra nazioni e Stati, ad un’esaltazione del conflitto e del presunto eroismo presente nell’uccisione reciproca tra esseri umani, noi riteniamo che una lettura appropriata della storia consenta, al contrario, di mettere in risalto l’assurdità del massacro tra le masse di nazioni diversi, con la loro vita decisa da stati maggiori, generali e governanti di entrambi gli schieramenti che saranno gli unici a godere di un qualche tipo di vantaggio a conflitto terminato. Una simile lettura del nostro passato dimostra quanto sia erroneo e superficiale il riaffiorare – in tempi recenti – dei nazionalismi se non di movimenti politici di chiara ispirazione fascista. Questo è solo un esempio basato su un argomento ricorrente dei nostri post, ma possiamo dire lo stesso riguardo i diritti dei malati psichiatrici, la lotta per i diritti civili ed il razzismo in generale, l’autodeterminazione dei popoli e così via. Dalle lotte di chi ci ha preceduto nasce, per noi, l’impulso che porterà ad un mondo migliore. Nel raccontare le storie degli ultimi e degli sfruttati si può incanalare la rabbia verso i veri responsabili delle difficoltà di oggi. Questa è la Storia che vogliamo raccontare. Tale approccio porta ovviamente a continue accuse di parzialità. Una volta siamo troppo filo-sovietici, altre troppo filo-americani. Troppo di sinistra, non abbastanza di sinistra. Abbiamo ricevuto accuse da ogni fronte, a testimonianza della bontà del progetto. Noi lo ribadiamo sempre e comunque: siamo – senza se e senza ma – dalla parte degli ultimi.
Ad ogni vostra pubblicazione segue quasi sempre una discussione con gli utenti in merito al tema trattato; discussione che, al contrario della maggioranza di dibattiti che su FB diventano sterili battibecchi, sviluppa molto l’argomento in questione. Quanto è importante questo nella vostra attività? Da questo si può capire più o meno quale sia il target di persone che siete riusciti a raggiungere?
CR: Il primo passo per uscire dal circolo vizioso dell’autoreferenzialità in ambito storico consiste, secondo noi, nel promuovere la discussione sulla storia stessa. Sin dal primo istante ci siamo prefissati un obiettivo fondamentale: la pagina Facebook sarebbe dovuta essere un luogo di confronto costruttivo. Il dibattito avrebbe dovuto integrare e completare la narrazione dell’argomento trattato in ogni singolo post. La premessa fondamentale affinché si riuscisse ad attuare questo principio è stata, ovviamente una politica precisa sulla gestione dei commenti ai post. Da un lato, proviamo a rispondere ad ogni singolo commento sulla pagina. Vogliamo che chi segue Cannibali e Re ed è interessato dai contenuti che proponiamo capisca che, una volta pubblicato, il contenuto non si esaurisce ma è in realtà ‘vivo’, un punto di partenza per una discussione che coinvolga gli utenti e chi amministra la pagina. Allo stesso tempo, abbiamo lavorato sin dall’inizio per evitare che la discussione degenerasse a causa delle strumentalizzazioni e delle critiche di utenti. Accettiamo le critiche e le considerazioni sui post, a differenza delle polemiche sterili che non contribuiscono in alcun modo al dibattito. Siamo sempre intervenuti con decisione nei confronti di chi si esprimeva tramite insulti e offese. Pensiamo che questo approccio abbia avuto i suoi frutti nel formare una comunità interessata e coinvolta in prima persona, che partecipa volentieri a discussioni che non si trasformano rapidamente in risse telematiche. Non è raro, infatti, che le risposte a commenti polemici arrivino in primo luogo dagli utenti, che hanno capito il nostro approccio e spengono sul nascere ogni polemica causata da ‘troll’ e disturbatori vari. E siamo fieri del fatto – ci riallacciamo così alla seconda parte della domanda – che il pubblico che ci segue sia molto variegato. Ci seguono gli appassionati di storia, siano essi affini o meno al nostro approccio. Ma ci seguono anche persone che non sono mai stati troppo interessati alla storia ma che, appunto, sono stimolate da storie di individui a loro più vicini ed affini. Da un lato siamo sicuramente contenti se veniamo seguiti con interesse da un professore, uno studente di storia o comunque da chi ha una certa competenza del settore. Dall’altro, la nostra più grande soddisfazione è essere riusciti a fare appassionare alla storia chi magari non ha una formazione accademica, chi ha lavorato sin dalla più tenera età, chi suda in una fabbrica, in un call center, in una panetteria o è disoccupato. La nostra dev’essere una storia di tutti, per tutti.
Nell’utilizzo di Facebook, o comunque dei social network, per una divulgazione di questo tipo, così come nella realizzazione di articoli sempre brevi, semplici e di rapida lettura; avete operato una sorta di riappropriazione collettiva della Storia; cioè avete messo in circolo davanti ad un pubblico vastissimo una quantità di argomenti impressionante che solitamente rimane appannaggio di una minoranza di appassionati o addetti ai lavori. Quanto è stato importante il mezzo Facebook? È possibile, alla luce della vostra attività, un utilizzo più ampio e sistematico del social media come “diffusore di cultura” dal basso e di qualità o è un caso fortunato e difficilmente ripetibile il vostro? Quali strade sono percorribili a vostro avviso in questo senso?
CR: Facebook è piombato nella nostra quotidianità come un fulmine a ciel sereno. Si tratta di un mezzo molto ‘versatile’, oltre che dalla portata praticamente universale, che permette dunque di adattarsi alle esigenze più diverse. Chi su Facebook cerca o ha cercato cultura ne trova e ne ha trovato in quantità, anche prima di Cannibali e Re. Da un lato, la sfida che abbiamo portato avanti su Facebook con la nostra pagina è stata proprio quella di ‘attirare’ verso le nostre storie, verso la nostra visione della storia, chi magari in un primo momento non era interessato. Dall’altro, abbiamo provato a dar vita ad un luogo (virtuale) ben distinto da quella tendenza all’odio, all’attacco personale, alla prevaricazione che è tipica di molte pagine del social network. Diremmo quindi che non è tanto Facebook in sé a determinare la riuscita o meno di un progetto, ma piuttosto l’approccio dei singoli nel momento in cui decidono di interagire con questa piattaforma.
A fronte del successo del vostro esperimento, poco tempo fa avete annunciato una sorta di “evoluzione”, con il lancio di un gruppo di ricerca e l’obbiettivo abbastanza dichiarato di una pubblicazione più approfondita. Vi va di raccontare quest’ultimo passaggio?
CR: Nel momento stesso della nascita del progetto ci eravamo prefissati l’obiettivo di uscire quanto prima possibile dall’ambito social. È un processo che ha richiesto moltissimo tempo per una serie di ragioni. Abbiamo avviato questo progetto, come detto in precedenza, promuovendo un approccio particolare alla storia. Appare ovvio, quindi, che nel momento in cui decidiamo di esporci in un contesto differente rispetto a Facebook lo dobbiamo fare tenendo presente le critiche da noi mosse al mondo editoriale. In altre parole, vogliamo essere sicuri di avviare un progetto che partisse dal basso, che vedesse la partecipazione anche di chi sarà il fruitore finale di quel prodotto, prodotto che dovrà essere sviluppato in forme e modalità nuove, che stimolino l’interesse di tutti i lettori, appassionati di storia e non.
Non ci saremmo potuti accontentare, insomma, di fare una raccolta dei nostri post migliori, aggiungere due pagine di introduzione e presentarci al di fuori della pagina Facebook. Stiamo quindi lavorando su queste basi, provando allo stesso tempo a coinvolgere chi ci segue tramite il gruppo legato alla pagina. Si tratta di un processo in divenire e sul quale daremo più dettagli nel momento in cui avremo un quadro chiaro della situazione dal punto di vista dei contenuti e delle tempistiche. Accanto – o meglio al di sopra – di quello che è il progetto dal punto di vista più squisitamente editoriale, c’è la volontà di lavorare attivamente con associazioni ed entità di qualunque tipo che siano in sintonia con i nostri valori. Vogliamo insomma una creare una rete che raggruppi tutti coloro che desiderano approcciarsi alla realtà odierna – passando per la storia ma non solo – rispondendo alla sfida posta oggi da nazionalismo, fascismo ed individualismo con un approccio partecipato dal basso, che identifichi i problemi della società contemporanea non su base etnica quanto, piuttosto, tenendo conto di chi nel corso della storia ha è stato sfruttato e sfruttatore, di chi ha ricoperto posizioni di rilievo decretando il destino di chi, invece, si è sempre ritrovato a subire contro il suo volere.

Zero

read more
INTERNAZIONALISMO

PAESE BASCO: DAL PROCESSO DI PACE AL DISARMO

 

“Mostratevi per un istante

sconosciuti dai volti celati, e accogliete

il nostro grazie”.

Bertolt Brecht, Lode del lavoro illegale

Quella che segue è la terza parte di un lavoro di introduzione alla lotta del Movimento Basco di Liberazione Nazionale; precedentemente abbiamo già raccontato la nascita del nazionalismo basco e come si è caratterizzato il Movimento a partire dalla nascita di ETA.

Questo lavoro è un utile strumento per avere qualche base di riferimento per comprendere Euskal Herria. Nei prossimi mesi cercheremo di analizzare in profondità alcune questioni fondamentali e conosceremo più da vicino le varie organizzazioni che compongono la Sinistra Indipendentista.

Nel 2009 sono circa 700 i prigionieri politici baschi rinchiusi nelle carceri spagnole e francesi: subiscono la politica della dispersión, ovvero una pratica repressiva sistematica con cui le autorità statali dispongono la carcerazione a centinaia di chilometri dai Paesi Baschi. Sono numerose le vittime per incidente stradale tra parenti e amici dei prigionieri negli interminabili viaggi che devono sostenere per andare a visitare i propri cari. Varie decine – il numero preciso non è mai stato calcolato – sono gli esiliati in varie zone del mondo: vittime di un’altra pratica in voga principalmente negli anni ’80 quando lo Stato francese smise di riconoscere ai militanti di ETA lo status di rifugiati politici e iniziò a consegnarli alla polizia spagnola che li deportava soprattutto in Africa e Centro-Sud America. Tra le organizzazioni di massa solo il sindacato LAB1 non è stato illegalizzato: il partito Batasuna e l’organizzazione giovanile Segi, invece, sono illegali da anni. (altro…)

read more
RECENSIONI

PIERO BEVILACQUA: L'UTILITÀ DELLA STORIA

E come potrei sopportare d’essere uomo, se l’uomo non fosse anche poeta e solutore d’enigmi e redentore della casualità!”

Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra

Il libro di Bevilacqua è tanto la proposta culturale di uno storico di professione, quanto una radicale critica al paradigma neoliberista di gestione dell’esistente.

Partendo dal dato fondamentale che il ruolo della Storia sia ormai in declino, come per ogni sapere “improduttivo” e privo di valore di consumo, si ripercorrono le tappe di una modernità che, dal secondo dopoguerra a oggi, ha visto sempre la cultura (e soprattutto l’istruzione scolastica) come strumento del progresso delle nazioni verso un orizzonte di ricchezza sempre maggiore. Oggi – che si è giunti al tramonto di quel mondo, totalmente assorbito nel credo dell’economia di mercato, e anche l’orizzonte del progresso si è tradotto in un vicolo cieco fatto di produzioni e consumi sempre più accelerati e superflui – il sistema scolastico viene assoggettato, come ogni ambito della vita, alle esigenze del mercato.

Tanto la storia quanto la memoria (in quanto forma organizzata di trasmissione di saperi, identità e appartenenza) vengono sempre meno dinnanzi a una temporalità consumistica volta esclusivamente al presente. La memoria resta schiacciata sotto il frantumarsi di tutte le istituzioni sociali, dalla famiglia alla classe, dalle comunità indigene a quelle religiose: gli uomini e le donne dell’oggi vengono così consegnati all’anomia sociale e alla precarietà esistenziale, privati del loro senso collettivo e storico della vita. La Storia deve invece il suo declino anche all’inadeguatezza di un modello d’insegnamento che non tiene conto né delle sfide poste dal mondo esterno né delle esigenze culturali degli studenti. Qui sta la proposta di Bevilacqua: passare da una Storia-racconto (o una “storia da manuale”), che esige l’esclusivo apprendimento mnemonico di eventi trascorsi, a una Storia-problema, ovvero un approccio per cui la presa in esame di un singolo evento/dato storico possa essere un punto d’osservazione per mettere in luce i tratti salienti di intere epoche o di questioni riguardanti l’attualità. Questo mediante uno studio che non sia mnemonico ma fatto di ricerca, analisi e dibattito che fungano essenzialmente da stimolanti dello spirito critico e del senso di ricerca e di confronto negli studenti.

Nell’offrire gli esempi di come possa svilupparsi l’insegnamento della Storia-problema, Bevilacqua ne approfitta per mettere sotto inchiesta (e sotto pesante accusa) i nodi centrali del nostro tempo: il lavoro come motore dominante della società viene disvelato invece come processo storico di messa a frutto brutale e sistematica delle classi subalterne per il profitto delle classi elevate; il territorio e l’ambiente come elementi da scoprire e attori primari della vita sono messi sempre più in pericolo dall’irrazionalità capitalista che li ha storicamente relegati a ruolo di materia prima da saccheggiare. Il consumismo come piano delle élites nordamericane per rilanciare il consumo, poi diffuso in Europa in ottica anticomunista e geopolitica, non appare più come una parte innata nella natura dell’uomo contemporaneo.

Com’è ovvio che sia, tanto la proposta accademica quanto la critica sociale sono ispirate da una concezione della Storia che non fa sconti alla tradizione storiografica né al “grande racconto del potere” e che vede la cultura come strumento primario per analizzare e prendere posizione rispetto all’esistente, oltre che come germe fondativo di un nuovo essere umano e sociale volto prima di tutto al raggiungimento di un benessere armonico collettivo del pianeta. Una ricollocazione dell’uomo all’interno del Sistema Natura che possa essere d’argine al deserto che avanza.

La Storia non può più essere, quindi, lode del potere all’opera, ma riscoperta del rimosso storico, lente d’interpretazione della realtà, antidoto contro la perdita di senso e di valore delle nostre vite, faro che diradi la coltre di menzogne e luoghi comuni che permettono a questo mondo di apparire come l’unico plausibile, porta d’accesso agli altri – inesplorati – mondi possibili.

Zero

read more
INTERNAZIONALISMO

PASDARAN, GIOVENTÙ E LE CREPE NELL'IRAN DI ROHUANI. UN'INTERVISTA CON ALBERTO NEGRI

Alberto Negri è giornalista per Il Sole 24 Ore, si è occupato assiduamente di Medio Oriente sia come inviato sul campo che come saggista (autore del recente “il musulmano errante”) Ad oggi è una delle voci più autorevoli in merito nel panorama italiano. abbiamo chiesto a lui di spiegarci in breve cosa si agita negli ultimi giorni sotto il cielo di Teheran e dove rintracciare il senso delle attuali proteste in Iran.

Chi protesta contro il governo Rohuani?

La particolarità di queste manifestazioni, talvolta sfociate in scontri, è che a manifestare sono giovani iraniani della periferia. Le mobilitazioni sono avvenute perlopiù in provincia, lontane dall’usuale palcoscenico della politica, cioè Teheran. Ciò spiega anche la scarsità di fonti e notizie.

Questo è già un dato importante, visto che eravamo abituati – in precedenza (si pensi al 2009) – a mobilitazioni nella metropoli di Teheran, spesso a partire all’università o nella zona settentrionale della capitale iraniana.

In ogni caso, i pasdaran (le “guardie della rivoluzione islamica”, ndr) hanno mobilitato centinaia di migliaia di persone per dimostrare che ha il controllo totale della situazione (oggi si sono infatti tenute affollate manifestazioni filo-governative in tutto il paese, ndr).

Qual è la matrice politica di queste mobilitazioni?

Le critiche al presidente Rohani, in questi mesi – ma anche prima delle elezioni presidenziali –, sono venute da tutti i fronti, non solo da quelli che rappresentano il malcontento popolare; anche la destra “dura e pura” (rappresentata ancora da Ahmadinejad) è ostile alla presidenza, tanto che le autorità iraniane hanno fatto capire che dietro a queste rivolte potrebbe esserci proprio Ahmadinejad. C’è sicuramente una lotta interna al sistema iraniano. Non a caso tali forze radicali anti-governative hanno provato a sussumere queste mobilitazioni.

La realtà è che queste mobilitazioni non hanno avuto una leadership politica riconosciuta e definita.

L’insoddisfazione e la frustrazione di molti giovani iraniani ha trovato così sfogo in spontanee manifestazioni di piazza. Le speranze dei giovani iraniani sono state disattese dai governanti. E così la protesta ha inglobato temi come il carovita e la lotta alla corruzione.

Registriamo anche che le proteste per ragioni economiche, in Iran, si trasformano presto in manifestazioni di dissenso politico.

Come hanno reagito le autorità e le forze di polizia iraniane?

L’impossibilità di ricondurre tali proteste, anche violente, ad una leadership politica riconoscibile ha parzialmente messo in difficoltà e disorientato le forze di polizia che però sono state furbe: ad esempio, Telegram non è stato chiuso del tutto, pur funzionando a singhiozzo. La polizia è riuscita a intercettare le intenzioni dei manifestanti proprio grazie al noto social media.

Nelle proteste precedenti (si fa sempre riferimento a quelle del 2009, ndr) le forze di sicurezza avevano un’idea piuttosto precisa dei ribelli: erano giovani studenti che volevano, se non abbattere il sistema, almeno riformarlo. Oggi è assai più complicato tracciare un profilo dei ribelli che sono pure dispersi in un vasto territorio. Inoltre sono comparse nelle piazze della provincia minoranze come i curdi e gli arabi, negli anni precedenti piuttosto ai margini nelle manifestazioni di dissenso nelle grandi città.

Parliamo del Kurdistan iraniano. Qual è la situazione?

I curdi in Iran (al confine con Turchia e Iraq) sono una minoranza molto forte che si aspettava certamente un maggiore grado di autonomia. Storicamente, durante gli anni della rivoluzione, l’Iran protesse i curdi.

Quando i curdi iracheni furono gasati, quelli sopravvissuti vennero accolti negli ospedali iraniani.

I curdi si aspettavano però maggiori garanzie e diritti, cosa che non c’è stata. Quindi ci sono state proteste che sono confluite in parte in queste recenti manifestazioni.

In ogni caso, il regime dei pasdaran ha comunque fatto sfilare oggi (ieri per chi legge, ndr) cortei pro-governativi per far capire chi conta di più in quelle zone, anche per sedare le rivolte degli arabi residenti in tali zone.

Dalla stampa liberale occidentale si cerca di tracciare un parallelo tra queste rivolte iraniane e le vecchie “primavere arabe”. Cosa ne pensi?

Andrei molto cauto sugli entusiasmi occidentali. L’Occidente ha sempre fatto fatica a comprendere una realtà complessa come quella iraniana. Non si può fare i libertari solo a casa degli altri.

In conclusione, ti chiediamo un pronostico e una prospettiva sull’Iran di oggi…

È difficilissimo; qualunque previsione sull’Iran è fatta per essere smentita. Uno dei massimi studiosi dello sciismo – lo statunitense Becker – scrisse nel 1978 che in Iran non ci sarebbe mai stata nessuna rivoluzione. Ebbene, l’anno dopo scoppiò la rivoluzione del 1979!

Dunque: io penso che la repressione avrà successo, ancora una volta. Il sistema repressivo iraniano è piuttosto oliato. Politicamente, però, si stanno creando sempre più crepe nel regime di Rohuani. La domanda è: quanto reggerà la clerocrazia iraniana?

Ciceruacchio

read more
CONTRIBUTIFORMAZIONE

ECONOMIA NELLA CONOSCENZA: PER UN RIPENSAMENTO DELLA CRITICA SCOLASTICA DI PIERRE BOURDIEU

Partendo dai temi trattati nella prima parte del saggio vorremmo ora evidenziare come, a nostro avviso, si possa rileggere l’opera del sociologo francese Pierre Bourdieu sulla scuola alla luce dei cambiamenti accorsi dopo il Processo di Bologna. Inizialmente vorremmo riportare brevemente l’analisi della riproduzione scolastica avanzata da Bourdieu insieme a Jean-Claude Passeron, per poi riprendere gli elementi sottolineati nei paragrafi precedenti e, in conclusione, vedere se e in quali termini possiamo parlare di un “nuovo sistema di violenza simbolica”.

La riflessione dei due sociologi sul valore distintivo del sapere e sul ruolo dell’intellettuale comincia negli anni sessanta con la pubblicazione di un’inchiesta sugli studenti delle Grandes Écoles, I delfini edito nel 1964, e La riproduzione uscito nel 1970. Questi testi minano direttamente l’asse portante dell’ideologia democratica sulla scuola secondo il quale il percorso d’istruzione promuove la mobilità sociale degli individui, spiegando come, suo malgrado, il sistema educativo contribuisce a riprodurre la struttura di classe esistente. In altri termini la scuola, invece di appianare le differenze di classe grazie all’azione pedagogica, favorisce gli studenti e le studentesse che possono vantare un capitale culturale maggiore derivato dalla tradizione famigliare. La cultura “prescrive leggi o regole, e in rapporto a queste leggi o a queste regole ci sono alcuni che risultano più adatti o adattabili, e altri meno”. È in questo senso che Bourdieu introduce il concetto di violenza simbolica, per sottolineare come questa forma particolare di cultura imposta come universale e quindi legittimata socialmente, sia in realtà frutto delle disposizioni particolari della classe dominante. Attraverso questa forma di violenza inconscia l’individuo subisce

“l’inculcazione di forme mentali, di strutture mentali arbitrarie, storiche – l’inculcazione che plasma, in qualche modo, gli spiriti e che li rende, poi, disponibili ad effetti di imposizione fondati sulla riattivazione di queste categorie. […] In fondo la violenza simbolica è una violenza che potremmo chiamare cognitiva: è una violenza che può funzionare solo appoggiandosi sulle strutture cognitive di chi la subisce”.

Questo sistema di potere arbitrario riproduce i rapporti di forza esistenti in quanto ricalca nella sua operatività le strutture di dominio ad esso soggiacenti. L’istituto scolastico, apparentemente fondato sul principio del merito individuale, è invece l’apparato fondamentale che rimarca la classificazione sociale basata sull’appartenenza famigliare. Il valore sociale dell’individuo viene sancito dalla scuola che, per i principi ordinativi che abbiamo delineato, tenderà da una parte a favorire gli studenti appartenenti alla classi sociali benestanti e dall’altra a promuovere gli studenti che si modulano sui valori imposti dall’autorità pedagogica, ovvero quelli delle classi dominanti.

Riprendendo i termini del discorso che abbiamo introdotto nel nostro contributo vorremmo qui sottolineare come il processo di riforma del sistema universitario europeo abbia influito su questa particolare dinamica descritta da Pierre Bourdieu. Senza voler considerare altri aspetti forse sottovalutati dal sociologo francese, quali l’importanza progressiva che ha assunto la cultura mediatica e informatica a scapito di quella scolastica o l’esasperazione della società dei consumi già evidenziata da Jean Baudrillard, crediamo che il Processo di Bologna sia esemplificativo in quanto punto d’arrivo di un percorso storico di riforma dell’istituto scolastico cominciato con i movimenti di protesta degli anni Sessanta e Settanta. La svalutazione progressiva che la cultura, o meglio il processo di acculturazione, ha subito negli ultimi decenni ha gettato le basi ideologiche e fattuali per una rimodulazione del valore della sanzione scolastica. Se, come abbiamo descritto nei paragrafi precedenti, il meccanismo di riproduzione sociale determinato dalla scuola era necessario in quanto modellava gli studenti in una gerarchia e classificazione sociale funzionale al sistema produttivo, ora i termini sembrano invertiti. Non è più la scuola ma bensì il campo economico, in quanto campo dominante, a determinare il valore sociale dell’individuo. Il sistema produttivo è divenuto così pervicace nella struttura sociale che non ha più bisogno di ricercare una legittimazione, che sia esplicita o implicita, passando per il percorso pedagogico. La razionalità strumentale del pensiero neoliberale ha pervaso gli ambiti del vivere sociale introducendo criteri classificatori derivati dalla tradizione economica negli ambienti e apparati più diversi. Rispetto al campo accademico abbiamo cercato di definire questo spostamento valoriale analizzando i concetti di efficienza e rendicontabilità, ma potremmo facilmente estendere il discorso anche ad altri campi del vivere sociale. Con il Processo di Bologna abbiamo visto come l’ideologia dominante, quella neoliberale, ha pervaso la discussione in merito alle riforme volte alla standardizzazione dell’università, agendo quindi sul campo politico per produrre un cambiamento strutturale. A fronte di uno svilimento progressivo del concetto stesso di cultura, l’istituto scolastico non determina più il valore sociale dell’individuo ma viene limitato dal sistema stesso come apparato finalizzato a erogare titoli di acculturazione. D’altra parte l’economia neoliberale stabilisce le classificazioni sociali nelle quali i soggetti si potranno inserire una volta ricevuto dalla scuola i titoli necessari1. Il ciclo di violenza simbolica si è quindi rimodulato cambiando i termini dell’equazione ma non il risultato del sistema. Il campo economico determina il valore dell’individuo considerandolo in funzione delle necessità del sistema produttivo; perché questo sia possibile è necessario che l’istituto scolastico sia riformato secondo i dettami della legge economica attraverso un provvedimento politico che ne avvalli la legittimità. Questo porta a valutare (rendicontazione) l’autorità pedagogica come più o meno funzionale alle necessità produttive di sistema, rivoltando quindi la logica simbolica descritta da Bourdieu. Se prima il sistema d’insegnamento, grazie a un’autonomia relativa, riproduceva le differenze di classe ma, allo stesso tempo, era capace anche di installare una certa resistenza politico-culturale al campo dominante, ora si potrebbe quasi dire che la distinzione funzionale tra i campi non esiste più. Ciò non vuol dire rifiutare di definire il campo scolastico nella sua particolarità (con una forma specifica di distribuzione di capitale e una serie di attori in conflitto per le posizioni dominanti), ma sostanzializzare il rapporto di subordinazione rispetto al campo economico.

Per un’Università critica e autonoma

È interessante rilevare come il processo di riforma del sistema universitario europeo che abbiamo qui brevemente trattato sia cominciato a Bologna dove nel 1088 è stata fondata la prima università in epoca medioevale. Se in quegli anni lo studio universitario era confinato a un’élite ristretta appartenente alle classi sociali più agiate, oggi si parla invece di università di massa per indicare la possibilità per un numero crescente di persone di accedere agli studi superiori. Nella Knowledge economy, come abbiamo visto, questo processo di massificazione sociale, umana e educativa è considerato come necessario e imprescindibile per affrontare le sfide che impone la globalizzazione economica. Lo sviluppo del sistema economico, la competizione a livello europeo e globale, necessitano di un numero sempre crescente di persone competenti, altamente specializzate ed efficienti. L’educazione accademica e la ricerca scientifica, in stretto contatto con il mondo del lavoro, non possono più rivolgersi verso un’élite ristretta e selezionata ma devono trovare il modo di allargare le potenzialità del settore educativo in relazione con le richieste del campo economico. Allo stesso tempo, questo processo riformistico deve porre attenzione a non diminuire la qualità e l’eccellenza dei percorsi a fronte dell’entrata di migliaia di nuovi studenti all’interno delle mura universitarie. Se concettualmente, quindi, l’educazione elitista medioevale e quella massificata sembrano nozioni in completa contraddizione, i due termini si sono dovuti fondere in un nuovo paradigma educativo. In Europa questo nuovo paradigma si è tradotto nello “Spazio Europeo dell’Istruzione Superiore” che è andato a creare un’università di élite all’interno di un sistema massificato di alta educazione. Attraverso i sistemi valutativi di cui abbiamo parlato, le istituzioni accademiche sono costrette a ridimensionare la propria attività per diventare poli d’eccellenza e quindi ricevere fondi necessari per la propria sopravvivenza e, dall’altra parte, devono curare comunque un livello d’istruzione basilare che permetta di rispettare i dettami dell’educazione massificata.

Quello che si può rilevare davanti a queste considerazioni è la perdita progressiva per l’università di quello statuto autonomo che le aveva permesso da una parte di costituirsi come fucina di sapere critico e, dall’altra, di progredire senza dover confrontarsi e soggiacere ai dettami dei campi dominanti, primo tra tutti quello economico. Riprendendo Bourdieu, crediamo che il compito principale che l’Università debba intraprendere sia appunto quello di recuperare l’autonomia che le è stata tolta a causa degli attacchi del sistema ideologico neoliberale. La dissoluzione del confine tra pubblico e privato portata avanti dal capitalismo contemporaneo ha dotato le istituzioni di studi superiori di un certo grado di autonomia, ma soltanto per poterle poi considerare nel sistema alla stregua di qualsiasi impresa privata, sottoponendole quindi a quel controllo continuo di cui abbiamo trattato parlando di efficienza e rendicontabilità. A fronte di questo “tutti coloro che concepiscono la cultura come strumento di libertà che presuppone la libertà, come modus operandi che consente il superamento permanente dell’opus operatum, della cultura cosa” devono impegnarsi nel recuperare quell’autonomia necessaria per affrancarsi dai poteri dominanti e poter svolgere ricerca sociale in maniera indipendente, contribuendo così al bene sociale. Se è vero che la costituzione di una Internazionale degli intellettuali come sosteneva Bourdieu è compito difficile, siamo coscienti che tale sforzo politico non possa esimersi dal costituirsi in ottica internazionale per affrontare le sfide poste da riforme come quella dello “Spazio Europeo di Istruzione Superiore”.

  • 1Una funzione che Bourdieu indicava come afferente all’istituzione pubblica, come sostiene nel Corso al College de France sullo Stato: “Uno delle funzioni più generali dello Stato, infatti, è la produzione e canonizzazione delle classificazioni sociali”.

Calvin

read more